Il Caffè Mediterraneo – Intervista al fotografo Salvatore Colloridi

LOGO RUBRICA SRV CIV POLISTENA-01WhatsApp-Image-20160719 (1)

In Foto – I Volontari del Servizio Civile Garanzia Giovani – Progetto  “Vivere Insieme”, il Fotografo Salvatore Colloridi e l’ Assessore Valentina Martello.

IL BORGO DI CINQUEFRONDI RINASCE GRAZIE AGLI IMMIGRATI DELL’EST EUROPEO: IL RACCONTO FOTOGRAFICO DI UN CAMBIAMENTO.

POLISTENA – Nasce oggi “Il caffè mediterraneo”, rubrica a cura dei volontari di servizio civile del progetto “Vivere Insieme” del Comune di Polistena. L’iniziativa ha lo scopo di mettere in rete esperienze e testimonianze legate agli ambiti dell’integrazione e della solidarietà tra i popoli, intervistando alcune delle personalità locali che si sono distinte nei diversi settori culturali in Calabria, in Italia e nel mondo intero.

La prima puntata è dedicata a Salvatore Colloridi, fotografo professionista che, per lavoro e per passione, ha registrato e raccontato il cambiamento dei nostri centri storici. Nel corso dell’intervista ci parla di fotografia e integrazione.

 

  1. Salvatore Colloridi, fotografo professionista, ha partecipato al contest Leica Experience 2015, vincendolo con un reportage di 12 foto rappresentative del borgo di Cinquefrondi.

Si tratta di un contest che promuove la cultura fotografica attraverso i concorsi.  È rivolto a professionisti e propone come tema la relazione tra l’uomo e l’ambiente. In queste foto doveva emergere la capacità di osservazione da parte del fotografo e il modo in cui riesce a sviluppare l’argomento proposto. Al vincitore sarebbe stata data l’opportunità di partecipare a un Workshop a Cortona, dove si tiene ogni anno un Festival della fotografia molto importante.

 

  1. Com’è ha trovato l’idea per il suo reportage fotografico?

 Sostanzialmente è nata per caso. Con la mia partecipazione al contest mi è stata data in prestito per una settimana una macchina fotografica “Leica”, con la quale dovevo realizzare il lavoro da presentare. Nel mio archivio non avevo una serie di immagini precise che avessero un filo conduttore affine al tema; ho iniziato così a cercare una fonte di ispirazione, cosa non immediata. Al giorno d’oggi scattare delle fotografie amatoriali è molto semplice, però cogliere con la fotografia un significato utile e concreto diviene un’operazione complessa. Iniziai così, macchina fotografica alla mano, a girovagare per i vicoli di Cinquefrondi, luoghi non frequentati da tempo. Ricordavo il quartiere del Borgo, antico centro storico del paese, pieno di ruderi e case sul punto di crollare. Allora, a distanza di anni, lo ritrovai rinnovato e ravvivato dalla presenza di case colorate, abitate perlopiù da famiglie bulgare e rumene, le quali tutt’ora si guadagnano da vivere onestamente, lavorando come badanti o nei campi. L’aspetto che mi ha colpito maggiormente è stato il fatto inaspettato che proprio grazie a loro, facenti parte di un’altra comunità e di un’altra cultura questo quartiere ha avuto una nuova occasione e una vera e propria rinascita. Il centro storico è stato oggetto di riqualificazione urbanistica e ha ripreso a vivere. Così mi sono detto “questo è il lavoro che fa per me”.

 

  1. Durante le giornate passate in questo luogo ha riscontrato realmente l’integrazione e l’interazione degli immigrati con l’ambiente circostante?

Purtroppo non completamente. Molti di loro si sono pienamente integrati, soprattutto i più giovani in quanto meglio predisposti alla comunicazione e flessibili di fronte ai cambiamenti. Molto spesso, infatti, mi capita di incontrare in palestra o in piazza alcuni ragazzi stranieri, con i quali ho instaurato un bel rapporto di amicizia. Tuttavia nel complesso la nostra comunità non sembra ancora del tutto pronta e adeguatamente sensibilizzata. È facile parlare di integrazione, accoglienza e ospitalità ma realizzarli attivamente nella rete sociale è molto più arduo. Sono certo che con impegno responsabile e campagne di sensibilizzazione adeguate e mirate, riusciremo a raggiungere l’obiettivo e “vivere insieme”.

 

  1. Quali sono state le sue emozioni e sensazioni dietro l’obbiettivo, soprattutto considerando che ha passato davvero molto tempo fra le vie del borgo di Cinquefrondi?

Ovviamente noto la differenza, ho sentito odori diversi, tipici della cucina straniera, ma anche musica per noi insolita.  Da piccolo passavo spesso in bici per quei vicoli ma la realtà attuale è molto distante dai miei ricordi. Avevo impressi nella memoria solo ruderi abbandonati e abitazioni fatiscenti. E ora rivedere il centro storico riqualificato, animato da chiacchiere, bambini che scorrazzano felici e che giocano, persone in fermento e in movimento è stata una sensazione piacevole e accogliente.

 

  1. Quale tra le diverse fotografie scattate per questo reportage ha ottenuto maggior interesse e riscontro da parte della giuria?

La foto che ha riscosso più successo e gradimento è stata una foto per così dire banale, ma di grande impatto. Questa foto ritrae una legnaia improvvisata e proprio lì accanto, i vari contenitori della raccolta differenziata dei rifiuti. Su ognuno era attaccato un cartello con il nome del materiale e tra questi spiccava la scritta in italiano improvvisato “PLASTIKA”. In quel periodo, a Cinquefrondi eravamo ancora agli esordi della raccolta differenziata e noi cittadini avevamo a delle perplessità per quanto riguardava l’organizzazione e la gestione dei rifiuti. L’aspetto esilarante, ma allo stesso tempo importante e sinonimo di civiltà, è stato il modo in cui la comunità straniera aveva organizzato la raccolta, con grande criterio e scrupolo. Questa fotografia è il simbolo del rispetto delle regole civili e sociali da parte di questi immigrati ed è sintomatico del loro slancio volontaristico verso l’integrazione con l’ambiente e il Paese nel quale hanno deciso di vivere per necessità e per lavoro.

Di seguito, alcune delle foto premiate:

1    2

3    4

5    6

7    8

9    11

 

#CinemaDay: Junior

“Tanta voglia di crescere per poi accorgersi che rimanere bambini è la cosa più bella che ci sia”

(Walt Disney) 

Per far rivere ai genitori e far conoscere ai figli la bellezza dei capolavori d’animazione della Disney di un tempo, i volontari del Servizio Civile hanno inaugurato anche la rassegna cinematografica #CinemaDay  con la sezione Junior.
Ogni mese abbiamo scelto una pellicola da proiettare a partire dal mese di marzo fino a giugno, per poi riprendere a settembre.

Di seguito le foto della notevole affluenza a questi eventi e le locandine dei film proiettati.

13475202_1555825711388318_677212426954888724_o   13198408_1545889619048594_296230288786925971_o1294530_1524145137889709_8844199695957024417_o  12973119_1535882923382597_8662406038571886925_o

20160424_164812 20160424_16493820160424_164936

20160424_172616 20160424_164940 20160424_17261720160424_172633

20160521_164653

20160521_164954    20160521_165020 Continua a leggere

IMG-20160524-WA0004

Biblioteca Comunale. Inizio ripristino.

La Biblioteca comunale di Polistena nacque nel 1986 per custodire i numerosi manoscritti e libri posseduti dal comune di Polistena.

La Biblioteca possiede oggi circa 70.000 volumi ed opuscoli, tre fondi archivistici ed un’emeroteca il cui numero orientativo dei fascicoli è di oltre 150.000. La Biblioteca, inoltre, ha avviato e curato il recupero e la sistemazione di materiale archeologico del territorio, di documenti storici (lapidi, iscrizioni, reperti in genere) della Polistena distrutta dal terremoto del 1783, di dipinti, gessi, bronzi, marmi ed opere varie di pittori e scultori polistenesi, oltre una raccolta (di circa 2000 pezzi) di oggetti ed attrezzi di lavoro relativi alla cultura contadina ed artigiana del luogo, creando un vero e proprio Museo Civico aggregato.

In attesa del trasferimento, unitamente al Museo Civico nel Palazzo Sigillò, la Biblioteca fu trasferita al primo piano del nuovo Palazzo Municipale dove è ancora ubicata. Sfortunatamente le esigue dimensioni dei locali non sono adatte  conservare la vastità delle opere raccolte nel corso degli anni.

In ragione di ciò, per rendere fruibile al pubblico il ricco patrimonio custodito abbiamo iniziato i lavori di ripristino e ricollocazione.

IMG-20160524-WA0004

Pronti per iniziare insieme all responsabile Marina Albanese.

20160518_110230

Le pile dei faldoni contenenti riviste e periodici intasano l’ingresso.

20160518_090900

Le finestre ostruite da pile di faldoni.

20160518_110213 20160518_090907

20160518_090828

20160518_090847

Postazioni di lettura sommerse dai libri.

12716176_1514066335564256_3528785152975241699_o

Sapere salva la vita!

In occasione della festa di San valentino l’amministrazione comunale di Polistena e i volontari del Servizio civile, hanno deciso di organizzare un convegno di informazione e prevenzione sulle IST – Malattie sessualmente trasmesse per i giovani degli Istituti Superiori e per tutta la cittadinanza.
Una giornata per imparare ad amare e ad amarsi.

12729294_10209122811533462_2040229325610432738_n

Locandina del Convegno.

20160213_104403

Il Prof. Enzo Marazzita.

IMG-20160213-WA0039

Il sindaco di Polistena Dott. Michele Tripodi

20160213_103321

IMG-20160213-WA0024

La coordinatrice dei lavori la Dott.ssa Laura Trapani

20160213_105848

20160213_105919

I relatori da sinistra: Dott.ssa Maria Stella Carpentieri, Dott.ssa Francesca Adornato. Dott.ssa Laura Trapani, Dott. Francesco Lando

20160213_111232

20160213_112355

IMG-20160213-WA0006

IMG-20160213-WA0035

Manifestazione “Su la Testa!”

Noi volontari del Servizio Civile del Comune di Polistena fin da subito abbiamo partecipato alla Manifestazione “Su la Testa!” organizzata dall’Amministrazione Comunale contro la chiusura dell’Ospedale “Santa Maria degli Ungheresi” di Polistena. Hanno partecipato migliaia di persone tra cui scuole, associazioni e le autorità di diversi comuni della Piana.

20151024_122928